C’ERA UNA VOLTA AMICI…

 

 

Il 17 settembre 2001, quando in Italia c’era ancora la lira, nasceva il primo Talent Italiano, Amici di Maria De Filippi.

Programma prevalentemente pomeridiana, con tanto di banchi scolastici, ed una gara finale, tra cantanti, ballerini e attori provetti.

La prima edizione la vinse Dennis Fantina, che poi percorre una normalissima carriera, nel 2015 si presenta alle Blind Auditions di The Voice Italy ma non viene preso da alcun coach.

Ma negli anni escono fuori qualche talento, a partire dalla Alessandra Amoruso, che vinse l’edizione dove Valerio Scanu arriva secondo, a Emma Marrone e qualche altro cantante come Marco Carta e qualche altro che entrano nella scuderia della Maria De Filippi.

Molti ballerini sono rimasti poi nel corpo di ballo di Mediaset, a partire da Klajdi Salemi a Stefano De Martino.

Ricordiamo la severità dei professori, giustamente era una scuola, ma da qualche anno tutto è cambiato.

Le ultime edizioni, è scomparsa la visione pomeridiana, e si è optato con solo le serali, ma non è più una scuola ma una sfida a squadre, con tanto di capitani.

Miguel Bosè, si era adeguato cercando di portare alla vittoria la sua squadra, anche con tatticismi che limitavano a volte i più bravi.

La De Filippi. ha sempre voluto con se Emma Marrone, una brava urlatrice, con alcune canzoni dai testi intelligenti, ma con grossi problemi di dizione, ed a volte così presuntuosa da sembrare anche maleducata.

Dopo l’addio di Bosè è arrivata Elisa, ottima cantante, ma vera bruttichiola e sopratutto falsa modesta.

Quest’anno Maria ha provato la carta Morgan, ottimo musicista e conoscitore di musica, ma con grossi problemi che tutti conoscono, ed anche Mria conosceva sicuramente.

Sicuramente Morgan ha toccato un meccanismo oliato di una piccola lobby interna, ed è stato tagliato fuori, ed ecco rientrare Emma Marrone, e d’incanto la finta buonista Elisa, da diavolo nelle serate di Morgan, ritorna ad essere una ragazza con 36 denti, anche se vestita sempre in maniera orribile.

I ragazzi di Maria, possono rispondere in qualsiasi tono a giudici e professori, autorizzati dalla De Filippi, che pensa che la maleducazione sia progresso e libertà.

Anche l’ultima puntata senza vincitori, ha dimostrato che questa trasmissione ha fatto il suo tempo.

Se è una scuola con una gara finale, deve vincere il migliore, se è possibile, senza giochi di etichetta discografiche, ma non una gara a squadre, una competizione finale tra singoli, e se gente come Emma non ha lavoro telivisivo, ci scuserà, ma Maria De Filippi approverà di certo il linguaggio…Emma Stica…..

Gianni Carra